Isola Rattanakosin (Bangkok)

Cari amici oggi vi parlo dell’isola Rattanakosin di Bangkok. Questa isola artificiale è delimitata dal fiume Chao Phraya e dal un canale artificiale.

Questa isola è stata creata per rendere difendibile il cuore della capitale da possibili invasioni. Qui si trova il centro storico di Bangkok e i principali templi e palazzi reali. Oggi vi parlo di un area più ristretta di quest’isola che si si trova tra il Chao Phraya e il khlong (canale) Rop Krung.

Prima cosa da visitare assolutamente è il Phra Borom Maha Ratchawang cioè il Grande Palazzo Reale, questa è la residenza della famiglia reale anche se ora il re non alloggia qui viene comunque usata per cerimonie importanti o visite di stato. L’ultimo re ad alloggiare qui fù Re Rama VIII. Nel complessorio del Palazzo Reale è possibile visitare all’interno Wat Phra Keaw con la famosissima statua del Buddha di Smeraldo, questa statua non è possibile fotografarla, e tre volte all’anno le viene cambiato l’abito in base alla stagione e solamente il Re può cambiare l’abito al Buddha. Tra i vari edifici i più importanti sono la residenza reale e la bibblioteca reale che però non sono visitabili all’interno, si può visitare il museo dei tessuti Queen Sirikit oppure il museo vicino alla residenza reale che espone numerosissimi reperti storici. Per la visita è obbligatorio indossare scarpe comode, pantaloni lunghi e una maglietta non troppo scollata, con maniche corte.

Phra Borom Maha Ratchawang, il Grande Palazzo Reale.
Wat Phra Keaw, il tempio del Buddha di Smeraldo.
Uno dei padiglioni all’interno del complessorio del Grande Palazzo Reale.

Vicino al Grande Palazzo Reale c’è la Silpakorn University, università fondata dall’italiano Corrado Feroci che ne fù primo rettore e docente di belle arti. Al suo interno c’è il museo di Corrado Feroci (Silpa Bhirasri), l’entrata è gratuita.

Silpakorn University
Entrata dell’università Silpakorn.
Logo dell’università Silpakorn

Vicino si trova anche il Bangkok City Pillar Shrine è un tempio bhramanico e al suo interno c’è un pilastro alto fatto erigere da Re Rama I e un’altro più piccolo fatto erigere da Re Rama IV, questo tempio è molto bello e merita di essere visitato e nonostante la vicinanza con molti altri luoghi d’interesse non è molto affollato.

Bangkok City Pillar Shrine

Quindi arriviamo al Wat Pho, famosissimo grazie alla immensa statua del Buddha disteso. Al suo interno si trova anche la prima scuola di massaggio thailandese. In alcuni padiglioni è possibile vedere delle immagini che rappresentano i punti di pressione e altri studi, infatti questo tempio fù la prima scuola sia di massagio thai che di medicina thai. All’interno del complessorio di Wat Pho si trovano 394 statue di Buddha e 91 Chedi (pagode).

L’immensa statua del Buddha sdraiato
Alcuni Chedi piccoli all’interno di Wat Pho
Immagine dei studi sul corpo umano all’interno di Wat Pho

Altri luoghi d’interesse sono il Sanam Luang un enorme campo che viene utilizzato per manifestazioni reali e l’università Thammasart una delle università più prestigiose della Thailandia e diretta rivale della Chulalongkorn University. Queste due università ogni anno si sfidano a calcio e a rugby in due partite che hanno una grossa rivalità e sono molto sentite tra gli studenti dei due atenei.

Logo dell’università Thammasart

Altro luogo interessante è il mercato degli amuleti. Qui si può trovare un pò di tutto ma il pezzo forte sono gli amuleti, in quanto i thailandesi credono nei portafortuna sia per quanto riguarda il muay thai, dove gli atleti indossano vari amuleti come ad esempio una particolare corona in testa fino a dei bracialetti sulle braccia vicino alle spalle. Potrete trovare amuleti con l’immagine di Buddha o altre divinità buddhiste oppure con i re della Thailandia che i thai indossano per avere la loro benedizione.

Alcuni collane raffiguranti divinità buddhiste o i re della Thailandia.

Spero vi sia piaciuto questo primo articolo d’interesse turistico sull’isola Rattanakosin, prossimamente ne seguirà un altro dove vi parlo dell’altre attrazioni di quest’isola.

𝑫𝒆𝒏𝒊𝒔 𝒁𝒂𝒏𝒊𝒓𝒂𝒕𝒐

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...